IOT - Internet of Things

“Internet delle cose” o “Internet degli oggetti”: IOT è una possibile evoluzione dell'uso del web, calandosi nel mondo degli oggetti reali.

Dispositivi elettronici intelligenti, solitamente wireless, destinati al mercato di massa si rendono riconoscibili in rete, comunicano i propri dati e accedono alle informazioni:

  • sveglie e orologi suonano e avvertono in caso di traffico prima di partire per il lavoro;
  • scarpe da ginnastica trasmettono tempi, velocità e distanza;
  • confezioni di medicinali avvisano in caso di dimenticanza del paziente;
  • cronotermostati rilevano i dati meteo della casa;
  • ….   un elenco infinito in continua evoluzione a seconda della fantasia dei produttor
I dispositivi (devices), riconducibili al mondo IOT, acquisiscono un ruolo attivo solo se  collegati alla Rete.
 

IOT: Piccolo "lusso" o Domotica fai da te

Assistiamo sempre più spesso ad un’infinità di soluzioni domotiche fai da te,  Gadgets provenienti dal mondo dell’IOT e più in generale dall’Electronic Consumer Market.

Molteplici devices sono proposti sul web utilizzando a sproposito il termine integrazione domotica, creando confusione al potenziale utente.

Un’accezione puramente commerciale ne propone un uso  assolutamente riduttivo e distorto; non possiamo qualificare con il termine “integrazione domotica” oggetti dal design accattivante o Applicazioni Mobile (App) quali:

  • webcam wireless visibile da Smart Phone;
  • cronotermostato con funzionalità meteo visibile da remoto;
  • altoparlanti wireless che, tramite App, creano pseudo impianti  multi room;
  • lampade multi color controllabili tramite App;
  • terminali GSM per accendere da remoto la caldaia;
  • App per attivare gli splitter dell’’aria condizionata;
  • non ultimo … l’aspirapolvere a batteria!
 
Potremmo elencarne senza fine …

Basilare è comprendere che un insieme di App sul proprio Smart Phone non può essere definita un’integrazione domotica!

L’integrazione è il leitmotiv, l’inestimabile valore aggiunto: è il punto di partenza dell’analisi progettuale e il risultato ottimale dell’impianto realizzato.

L’integrazione domotica ha un costo pressoché tendente a zero se, e solo se, l’impianto  è stato correttamente progettato: spetta al professionista, al System Integrator sfruttarla al meglio.

Quante volte ci è capitato di acquistare un dispositivo elettronico?

Rientriamo a casa e  … :

  • manca la presa di alimentazione;
  • la presa è disponibile, ma nel posto sbagliato;
  • se non utilizziamo inestetiche prolunghe  non riusciamo ad utilizzare l’acquisto;
  • dobbiamo usare sistemi via radio, con tutte le implicazioni di inquinamento elettromagnetico, perché ci si è dimenticati di predisporre le tubazioni;
  • l’ultima TV non ha i connettori adatti;
  • per accendere l’impianto Home Theater dobbiamo rivolgerci all’amico ingegnere;
  • non inseriamo l’allarme perché troppo difficoltoso oppure  ce ne dimentichiamo;
  • vorremmo automatizzare la persiana o la tapparella, ma l’alimentazione manca;
 
A rendere ancora più evidente ed importante il problema contribuiscono poi gli standard di vita che si evolvono:
 
  • Il risparmio energetico entra a far parte della coscienza di ciascuno;
  • le energie rinnovabili modificano le tecnologie e gli impianti; 
  • la sensibilità nei confronti del risparmio energetico svolge un ruolo sempre di maggiore rilievo;
  • leggi e normative impongono edifici ecologici ed eco compatibili: fotovoltaico, pompe di calore e geotermia sono ormai concetti di pubblico dominio;
  • l’innalzamento dell’età media richiede  la massima semplicità d’uso della tecnologia, il concetto anglosassone di user-friendly;
  • vi è sempre maggior sensibilità verso il comfort e la salubrità degli edifici, sia nuovi che ristrutturati;
  • vi è maggior attenzione all’affidabilità delle tecnologie utilizzate;
  • l’evoluzione tecnologica e l’interazione tra la TV, Web, PC e Satellite hanno rivoluzionato e continuano a rivoluzionare il mondo della comunicazione e dell’intrattenimento;
  • la crisi stimola l’innovazione: il progresso tecnologico che ne deriva, alimentato dalla globalizzazione, apre nuovi mercati e ne evolve rapidamente altri.

I concetti sopra descritti, ci impongono delle riflessioni:
 
  • l’integrazione domotica è comunque complessa e richiede a priori analisi  accurate;
  • le tradizionali modalità operative di cantiere talvolta vengono stravolte;
  • le usuali fasi di lavoro spesso risultano modificate dovendosi adeguare e coordinare  con le necessità progettuali;
  • tutte le fasi di lavoro richiedono professionalità;
  • la figura del coordinatore delle tecnologie in cantiere è sempre più necessaria ed il personale coinvolto non può essere improvvisato, ma viceversa altamente preparato;
  • le soluzioni possibili sono molteplici: ne conseguono più ampi livelli di spesa, in funzione dei budget disponibili;
 

IOT: Pro e Contro

I Pro:   

  • l’utilizzo di questi dispositivi è senza dubbio semplice ed immediato;
  • richiedono solamente un po’ di dimestichezza con il mondo del web e degli accessi in rete, concetti simili agli Smart Phone ormai ampiamente diffusi;
  • risolvono esigenze semplici e circoscritte di controllo da remoto (cronotermostato, rilevazioni parametri meteo, videosorveglianza tramite telecamera …);
  • fruibili anche con un budget limitato, utili soprattutto per le piccole abitazioni;

I Contro:  

  • scomodi e limitati quando le esigenze aumentano ed i locali da controllare sono molteplici;
  • non sempre integrabili con altri sistemi di controllo;
  • dal nostro punto di vista, non sono sistemi di integrazione domotica: sono solamente un tentativo di domotica “fai da te”;
  • progressiva perdita della nostra Privacy a vantaggio di questi dispositivi intelligenti: da verificarsi dove finiscano i dati che vengono raccolti;
  • ai provider ed alla grande industria interessa conoscere i nostri usi e le nostre abitudini, e non dobbiamo dimenticare che gli utenti che utilizzano questi dispositivi finiscono per essere inconsciamente attori di una enorme ricerca di mercato, vittime dei  tentacoli del …  “Grande Fratello”;
  • essendo nativi sul web, non possiamo disabilitare i dispositivi IOT e  connetterci  a loro solamente quando lo desideriamo, pena la loro inutilità. In un sistema  di integrazione domotica le regole del gioco sono in possesso dell’utente,  non del Grande Fratello.