Illuminotecnica

 

La qualità della luce influisce direttamente sullo stato d’animo; è anche il mezzo tramite il quale si percepiscono gli interni e le superfici, grazie alla sua capacità di sottolineare gli effetti materici, accentuare il volume e dirigere l’attenzione verso i dettagli. Ma non solo, anche come ottimizzare i consumi…

La luce svolge non soltanto una funzione visiva, ma anche psicologica, influenzando i nostri stati d’animo nonchè il nostro comportamento. E’ quindi un elemento base dell’architettura di interni.

L’illuminazione trasforma completamente una stanza: una sapiente strategia crea l’atmosfera giusta per ogni occasione.
L’illuminazione perfetta è frutto di un connubio tra stile e funzionalità: ogni punto luce è una precisa scelta di stile.
L’illuminazione infine definisce gli spazi, accompagna nei gesti quotidiani e conferisce carattere e personalità all’ambiente.Accanto alla tecnologia, balza in primo piano l’estetica dei modelli, ai quali viene richiesto di essere non solo strumenti al servizio del comfort ma anche complementi d’arredo, nonchè specchio dell’evoluzione, del gusto e del design.
Il modo in cui percepiamo un ambiente dipende in parte dall’illuminazione; per questo motivo è determinante comprendere le diverse tipologie: d’ambiente o diffusa, specifica, d’accento.

I nostri designer dispongono la luce artificiale dove necessario, in maniera artistica e funzionale producendo diversi effetti: lo spazio acquisisce direzionalità, oggetti e superfici risaltano sotto i riflessi luminosi con il risultato che gli ospiti si sentono a loro agio in quell’ambiente.

Una buona progettazione illuminotecnica non può prescindere da una valutazione dell’ambiente e dall’analisi delle esigenze di chi ci vive. Ci sono precisi accorgimenti, frutto di ricerche scientifiche, nell’utilizzo della luce: nel cervello la luminosità è un fenomeno di contrasti, il risultato della combinazione di finiture d’interni e luce riflessa.

Per creare questi contrasti bisogna manipolare sia le finiture che l’illuminazione: andrebbero quindi scelti contemporaneamente per non lasciare nulla al caso e non rischiare di compromettere l’equilibrio dell’intero ambiente.

Illuminare gli interni è spesso questione d’immagine: i nostri Clienti con i propri interni vogliono creare effetti atti a sorprendere il visitatore e quale elemento migliore dell’illuminazione per inventare magiche atmosfere?Ormai l’illuminazione è diventata elemento strutturale dell’abitazione: le nuove tendenze amano incassare i corpi illuminanti annegandoli nel pavimento, o in una parete, magari accanto al gradino di una scala, oppure nel battiscopa oltre che, in modo più tradizionale, in una controsoffittatura.Molto interessanti sono anche gli effetti di luce indiretta o riflessa che si possono ottenere posizionando il corpo illuminante nello sguscio di cornici, nell’intercapedine di contropareti, di architravi, di capitelli, ma anche su basi sopraelevate di elementi d’arredo, nel taglio di cimase o mensole, ecc…