Illuminotecnica

 

Scenari Illuminotecnici

Grazie ai nuovi Led RGB poi, lo stupore è assicurato: possiamo costruire tanti ambienti diversi in un unico ambiente grazie al gioco dei diversi colori (abbiamo a disposizione ben 4096 sfumature diverse!).

E’ sufficiente lo sfioramento di un monitor, un clic con il telecomando per avere la stanza rossa, blu o verde o, a rotazione, di tutti e tre i colori: gli scenari illuminotecnici sono programmabili con la massima libertà per ogni ambiente, situazione o tipologia di corpo illuminante…

Non è frutto d’immaginazione e neppure di magia ma soltanto merito del nostro Domus Mind, il maggiordomo elettronico che gestisce le atmosfere luminose della vostra casa come più vi piacciono…
E l’intensità della luce cresce in modo graduale grazie ai nostri moduli dimmer: la suggestione è assicurata e in più le lampadine non bruciano poichè non subiscono alcuno shock termico.

La giusta Atmosfera e Occhio ai Consumi

Lo sapevate che un bambino di 5 anni ha una capacità visiva che è circa la metà di quella che avrà a 20 anni e che un sessantenne ha bisogno per leggere di una quantità di luce sei volte superiore a quella necessaria a un giovane di vent’anni? E che tutto questo comporta la scelta di lampadine molto diverse e di supporti altrettanto differenti?

I nostri esperti sapranno consigliarvi il corretto posizionamento delle fonti di luce e la loro tipologia in funzione delle esigenze e dell’atmosfera che si desidera creare in ogni ambiente. E’ la tecnologia che ci aiuta.

Grazie al sistema Domus Mind è possibile controllare diverse fonti luminose contemporaneamente e monitorare a video la quantità di lux in ogni stanza.

Potremo accorgerci se abbiamo dimenticato le luci accese e spegnerle a video con un clic od incaricare il nostro maggiordomo elettronico di spegnerle o accenderle per noi in funzione della luminosità rilevata all’interno della stanza.

Luci automatiche, temporizzate, dimmerate, a spegnimento ritardato sapranno conferire ad ogni ambiente magia e suggestione.

Con Domus Mind i consumi sono pari all’intensità della luce effettivamente impiegata, senza sprechi.

Un rapporto dell’Enea rivela che oltre il 15% dei consumi energetici nazionali è per la casa; ma quello che preoccupa maggiormente è la crescita del fabbisogno energetico che in circa vent’anni è passato da 1800 a 3000 Kw/ora. Una delle cause di ciò è la scarsa consapevolezza degli italiani ed il fatto che moltissime abitazioni sono vecchie e non progettate secondo criteri di risparmio energetico.

La qualità della luce influisce direttamente sullo stato d’animo; è anche il mezzo tramite il quale si percepiscono gli interni e le superfici, grazie alla sua capacità di sottolineare gli effetti materici, accentuare il volume e dirigere l’attenzione verso i dettagli. Ma non solo, anche come ottimizzare i consumi…

La luce svolge non soltanto una funzione visiva, ma anche psicologica, influenzando i nostri stati d’animo nonchè il nostro comportamento. E’ quindi un elemento base dell’architettura di interni.

L’illuminazione trasforma completamente una stanza: una sapiente strategia crea l’atmosfera giusta per ogni occasione.
L’illuminazione perfetta è frutto di un connubio tra stile e funzionalità: ogni punto luce è una precisa scelta di stile.
L’illuminazione infine definisce gli spazi, accompagna nei gesti quotidiani e conferisce carattere e personalità all’ambiente.Accanto alla tecnologia, balza in primo piano l’estetica dei modelli, ai quali viene richiesto di essere non solo strumenti al servizio del comfort ma anche complementi d’arredo, nonchè specchio dell’evoluzione, del gusto e del design.
Il modo in cui percepiamo un ambiente dipende in parte dall’illuminazione; per questo motivo è determinante comprendere le diverse tipologie: d’ambiente o diffusa, specifica, d’accento.

I nostri designer dispongono la luce artificiale dove necessario, in maniera artistica e funzionale producendo diversi effetti: lo spazio acquisisce direzionalità, oggetti e superfici risaltano sotto i riflessi luminosi con il risultato che gli ospiti si sentono a loro agio in quell’ambiente.

Una buona progettazione illuminotecnica non può prescindere da una valutazione dell’ambiente e dall’analisi delle esigenze di chi ci vive. Ci sono precisi accorgimenti, frutto di ricerche scientifiche, nell’utilizzo della luce: nel cervello la luminosità è un fenomeno di contrasti, il risultato della combinazione di finiture d’interni e luce riflessa.

Per creare questi contrasti bisogna manipolare sia le finiture che l’illuminazione: andrebbero quindi scelti contemporaneamente per non lasciare nulla al caso e non rischiare di compromettere l’equilibrio dell’intero ambiente.

Illuminare gli interni è spesso questione d’immagine: i nostri Clienti con i propri interni vogliono creare effetti atti a sorprendere il visitatore e quale elemento migliore dell’illuminazione per inventare magiche atmosfere?Ormai l’illuminazione è diventata elemento strutturale dell’abitazione: le nuove tendenze amano incassare i corpi illuminanti annegandoli nel pavimento, o in una parete, magari accanto al gradino di una scala, oppure nel battiscopa oltre che, in modo più tradizionale, in una controsoffittatura.Molto interessanti sono anche gli effetti di luce indiretta o riflessa che si possono ottenere posizionando il corpo illuminante nello sguscio di cornici, nell’intercapedine di contropareti, di architravi, di capitelli, ma anche su basi sopraelevate di elementi d’arredo, nel taglio di cimase o mensole, ecc…