Il Hardware

Premessa:
Prima di entrare nel vivo della spiegazione dell’hardware domotico, vogliamo chiarire il significato dei termini in seguito frequentemente utilizzati, allo scopo di sgomberare il campo da facili fraintendimenti.

Linux: è il sistema operativo installato sulla sezione hardware del Controllore Domotico, è l’ambiente di lavoro in cui è programmato.

Controllore domotico è collegato alla rete Ethernet; è composto da:
1. sezione Hardware, dotata di disco fisso, simile ad un PC, ma eccezionalmente stabile
2. sezione Software, comprensiva di web server, interfaccia utente tipo browser e configuratore
Web server è un software installato sul Controllore Domotico: ne permette la visibilità attraverso un browser, su Internet e su Intranet e di fatto il controllo della casa tramite Web
Browser è un software di navigazione web installabile su qualunque PC. E’ un programma tramite il quale l’utente dialoga con la propria casa e l’installatore configura il sistema.
Configuratore è uno specifico software installato sul Controllore Domotico ad uso dell’installatore. Questi, tramite il browser, indirizzerà gli oggetti per soddisfare le esigenze dell’impianto.
Bus FB485 o primary-bus è un bus 485 proprietario multidrop con un massimo di 1000 nodi.
Bus FBnet o local bus è un bus proprietario ad azione limitata: può estendersi in un raggio di 10-15 mt e pilotare un numero massimo di 12 dispositivi
Dispositivo FBnet: schede e frutti elettronici da incasso composti da I/O digitali e analogici per la gestione la raccolta dati del bus FBnet.
Nodo FB485 è un dispositivo hardware, sul bus FB485.
Nodo domotico è un dispositivo hardware, BIC-d, un bridge che collega i bus FB485 ed FBnet
Oggetto: è l’unità minima, il “mattoncino software” che, unito ad altri, crea la configurazione del sistema e rende possibile la gestione degli I/O (Ingressi ed Uscite dei componenti dei bus)
In sintesi, possiamo affermare che, tramite un’architettura PC-based e Sistema Operativo Linux, l’hardware domotico è il cuore del sistema Domus Mind e ne governa il campo di I/O.
Innumerevoli Controllori domotici, collegati tramite rete ethernet, permettono un’ espandibilità infinita, senza precedenti.
I comandi, i set-points, tutte le configurazioni di qualsiasi controllore domotico sono richiamabili dall’utente in rete tramite un browser

La versatilità, la sicurezza e la risposta in tempo reale sono eccezionali.

Entrando nel dettaglio del nostro hardware domotico, il campo di I/O è composto da una dorsale costituita da un bus proprietario FB485 multidrop con un massimo di 1000 nodi.

Ogni 32 nodi o quando le distanze lo rendono necessario occorre inserire un ripetitore di segnale che svolge anche la funzione di sdoppiatore di linea.

Il bus FB485 assume quindi una topologia a stella. Ogni ramo di linea deve essere opportunamente terminato ad inizio e fine sfruttando le resistenze di terminazione inseribili fornite su ogni dispositivo e può così percorrere diverse centinaia di metri.